Vi racconto il mio Corso di formazione ECM a Torino… con Gallery

Il mio Corso di formazione ECM a Torino…

Oggi, 16 febbraio 2018, ho tenuto un corso di formazione. Sono tornato dopo l’esperienza pazzesca fatta a Novembre 2017 del corso in Aula Magna, all’Ospedale Le Molinette, ancora una volta a Torino. Stavolta il corso, che è accreditato dal Ministero della Salute con crediti ECM, “COMUNICAZIONE EFFICACE: TECNICHE E CONSIGLI” si è tenuto all’Ospedale S. Giovanni Bosco – Piazza Donatori del Sangue 3.

 

 

Ogni volta è come se fosse la prima, nonostante ne abbia già fatti “abbastanza”… La sera che precede un corso sono sempre agitato, non per il pubblico, ma perchè mi chiedo se sarò in grado di rendere il corso da IN-formativo a FORMATIVO.

FARE FORMAZIONE,
NON INFORMAZIONE

Sembra un gioco di parole, e invece e questo il nodo che dimostra se un corso verrà bene o no. I corsi informativi sono quelli in cui un Solone sceso dagli Dei, con in mano chissà quale verità, getta nozioni a una massa di persone che ascolta in modo attento o passivo, sul modello della Teoria dell’Ago Ipodermico (Magic Bullet Theory) di Harold Lasswell per intenderci.

I corsi di formazione, per come li intendo io e per come mi piace strutturarli, devono essere partecipati, interattivi, e lasciare a fine giornata qualche spunto di riflessione. Io generalmente mi rendo conto se un corso viene bene o meno dalla scaletta. Se già verso fine mattinata è saltata, vuol dire che è un successo! 😀

Il corso di oggi è stato a giudicare dalla agenda che non ho rispettato per nulla, causa continui interventi e domande, un successone! L’argomento che ha sollevato più interventi oggi è stato il tema della libertà di stampa. 

Secondo voi c’è libertà di stampa in Italia?

Oggi noi ne abbiamo parlato a lungo… Così come abbiamo toccato temi di Diritto dell’informazione e della privacy, Sociologia dei mass media e Marketing & Digital communication. Ma anche i topic di Facebook e i Social Media hanno interessato molto il gruppo che ha lavorato molto bene sia singolarmente che nei lavori di gruppo. In più ho come sempre portato l’esempio di comunicazione e coerenza di Josè Pepe Mujica, ex presidente dell’Uruguay, che amo come pochi e che sorprende sempre la platea quando racconto la sua storia e la sua azione politica.

Ringrazio, non per dovere ma sinceramente, tutti i corsisti per la loro partecipazione e attenzione, la Dott.sa Maurizia Sezzano, per la sua preziosa parte del corso sulla comunicazione coi pazienti, la segreteria provinciale Fials di Torino e quella regionale di Fials Piemonte per la perfetta organizzazione. E’ stata un’altra grande esperienza per me per imparare da “dilettante professionista” – come dice il grande Marco Monty Montemagno – ancora di più su quel tema che tanto mi appassiona, la comunicazione.

Grazie della tua attenzione, Enjoy😀
Francesco Umberto Iodice

 

Sanremo 2018: vincono Meta-Moro, Stato Sociale, Annalisa e… Favino

“Non mi avete fatto niente” di Ermal Meta e Fabrizio Moro ha vinto la 68esima edizione del Festival di Sanremo. Al secondo posto Lo Stato sociale con Una vita in vacanza, terza Annalisa con Il mondo prima di te.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=V4zO_1Z_1S8]

Penso sia il risultato corretto. La loro canzone ricca di polemiche con il solito testo impegnato di Moro scritto alla Moro e da cantare alla Moro è comunque bello e radiofonico. Secondi i miei favoriti, i monellacci bolognesi dello Stato Sociale che hanno portato dolcezza e Bologna nella serata dei duetti con il Coro dell’Antoniano e Paolo Rossi.  Saranno, ci scommetto, il vero successo radiofonico fino a questa estate… 😉

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=eUZdR0G20Qs]

Terza Annalisa, una cantante che anche se non amo gli Amici di Amici degli Amici di Maria De Filippi, è davvero diversa dai prodotti fatti e finiti dei Talent Show. E in più è laureata in fisica e molto bella… 😉

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=sGzqAKqar98]

Di questo Sanremo 2018 vorrei stampare come immagini di cartolina alcuni momenti che per me sono stati i più significativi.

http://https://www.youtube.com/watch?v=Hcm4BixLjeQ

La mia classifica

  1. Il monologo sull’emarginazione di Pier Francesco Favino
  2. La vecchia che balla Paddy Jones 85 anni e Rock n roll acrobatico
  3. La simpatia della semplicità di Fiorello
  4. Il finale di ballo sexy di Despacito Favino e Michelle Hunziker
  5. Il Mash-up di Pier Francesco Favino
  6. Mezione d’onore per Ornella Vanoni e una classe infinita…
  7. L’addio eterno degli Elio e le Storie Tese che meritava più rispetto
  8. La simpatia di Mudimbi
  9. Claudio Baglioni e i suoi mille duetti (alcuni riusciti, altri meno)
  10. Gino Paoli che omaggia due grandi cantautori genovesi: Faber e Umberto Bindi

http://www.raiplay.it/video/2018/02/Sanremo-2018-Gino-Paoli–Danilo-Rea–Claudio-Baglioni-omaggio-a-Umberto-Bindi-Fabrizio-De-Andre-bda34784-aa55-4c1b-94b5-ccbf3e28bb1b.html

Come avete visto il nome ricorrente della mia personale classifica è quello di Pier Francesco Favino del quale dopo la prima serata scrivevo:

Uno dei più grandi attori italiani, per me ancora sottovalutato. Che possa essere la volta buona per esplodere come sul palco durante il suo mash-up di canzoni sanremesi.

Direi che non c’è stata ombra di dubbio. Dopo molti Nastri d’Argento ora anche il grande pubblico conosce e apprezza un grande attore. Se ricordo che da piccolo dai nonni vedevo lui col sopracciglione unito in Amico Mio, medical drama all’italiana con Massimo D’Apporto, l’evoluzione è completa. Consiglio oltre ai classici di Muccino anche la sua interpretazione di un secondino in ACAB.

E allora voto finale a questo Sanremo positivo. Meno rassicurante degli ultimi di Carlo Conti, meno impegnato e militante di quelli di Fabio Fazio, meno divertente di quello di Gianni Morandi con Belen e Luca e Paolo, ma sempre Sanremo.

Perchè Sanremo è Sanremo
Pippo Baudo

Grazie della tua attenzione, Enjoy😀
Francesco Umberto Iodice

2000 visite al mio blog, grazie a tutti!

Questo non è un articolo, ma un ringraziamento a tutti coloro che hanno voluto leggermi in queste settimane. Questo Blog che ho ripreso a scrivere da gennaio 2018 con l’articolo NUOVO BLOG, NUOVA AVVENTURA dallo scorso 5 gennaio ha fatto molta strada…

Grande traguardo per questo blog. Abbiamo raggiunto le prime 2000 visite ufficiali!

Il 24 aprile 2016 avevo aperto questa piattaforma un po’ per gioco, un po’ per prova. L’avevo fatto da solo (e se ne vedono ancora oggi tutti i limiti…). Poi avevo un po’ abbandonato l’idea di scrivere, fino a fine 2017, quando ho voluto rimettere in moto questo sito internet.

Ricordo ancora la sorpresa che avevo provato a un mese esatto dalla messa online per le le prime 500 visite!!! Come quella per le 1500 visite nel 2018. Perciò oggi come allora:

Grazie a ognuno dei 2000 utenti che ha voluto dedicare il suo tempo, non avrei mai sperato questi numeri

E lancio un sondaggio: c’è qualche argomento che preferite? Qualcosa sulla quale discutere tutti insieme? Oppure avete consigli o critiche (perchè sono ben accette anche quelle!) da darmi?

 

[contact-form to=’iodice_francesco@alice.it’ subject=’BLOG FRANCESCO PD 2016′][contact-field label=’Nome’ type=’name’ required=’1’/][contact-field label=’E-mail’ type=’email’ required=’1’/][contact-field label=’Sito web’ type=’url’/][contact-field label=’Commento’ type=’textarea’ required=’1’/][contact-field label=’Numero di telefono’ type=’text’/][/contact-form]

Grazie della tua attenzione, Enjoy😀
Francesco Umberto Iodice

Sanremo 2018, Baglioni, Fiorello e lo Stato Sociale (che ha già vinto)

Confesso. Ho sempre guardato Sanremo. Ogni anno mi prometto di non guardarlo, non mi piacciono i cantanti in gara, i super chachet che gridano vendetta, etc. etc. Ma poi… finisco sempre per cedere.

E allora ecco cosa penso di questo Sanremo. Grandissimo Fiorello, uno showman che sa far ridere ancora senza dover ricorrere ca##o, fi#a, tro#a. Sembra di essere in un villaggio con un animatore vecchia scuola, capace di far ridere senza impegno. Orgoglio siciliano.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=VYAeMJKPdgk&t=6s]

Claudio Baglioni che io adoro più come cantautore che come presentatore ha portato a Sanremo rispetto alla sicurezza revival di Carlo Conti delle ultime due edizioni il suo finto snobismo e tutta la qualità di uno degli artisti più evoluti della nostra canzone. Può piacere o no, ma Claudio di canzoni nazionali ne ha fatte talmente tante che può permettersi il lusso di sperimentare.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=xZ0j3qqLkXA&t=22s]

Nota di merito per Pier Francesco Favino. Uno dei più grandi attori italiani, per me ancora sottovalutato. Che possa essere la volta buona per esplodere come sul palco durante il suo mash-up di canzoni sanremesi.

E alla fine il più grande resta sempre Lucio Battisti. Con tutto l’Ariston a cantare “Un’Avventura“… Tu chiamale se vuoi, Emozioni.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=z3TbSks3i3c]

Ma la canzone che più mi ha colpito è stata Una vita in vacanza dei Lo Stato Sociale. Alla fine del pezzo mi sono girato verso mio fratello e, senza aver sentito ancora altre 13-14  canzoni, ho predetto la vittoria finale. Vedremo sabato. Il pezzo ha il solito carico empatico di sinistra bolognese e i ragazzi sono scanzonati come dei monelli in gita.Il testo si concentra ancora una volta sul tema del lavoro, attacca Trump (sei fuori!! Go Out !! You’re fired !!) topic della band da primo maggio e poi lei…

“La vecchia che balla” manda over…

Vinceranno loro? Lo scopriremo solo vivendo.

Testo Una vita in vacanza
Lo Stato Sociale

E fai il cameriere, l’assicuratore
Il campione del mondo, la baby pensione
Fai il ricco di famiglia, l’eroe nazionale
Il poliziotto di quartiere, il rottamatore
Perché lo fai?
E fai il candidato, poi l’esodato
Qualche volta fai il ladro o fai il derubato
E fai opposizione e fai il duro e puro
E fai il figlio d’arte, la blogger di moda
Perché lo fai?
Perché non te ne vai?

Una vita in vacanza
Una vecchia che balla
Niente nuovo che avanza
Ma tutta la banda che suona e che canta
Per un mondo diverso
Libertà e tempo perso
E nessuno che rompe i coglioni
Nessuno che dice se sbagli sei fuori

E fai l’estetista e fai il laureato
E fai il caso umano, il pubblico in studio
Fai il cuoco stellato e fai l’influencer
E fai il cantautore ma fai soldi col poker
Perché lo fai?
E fai l’analista di calciomercato
Il bioagricoltore, il toyboy, il santone
Il motivatore, il demotivato
La risorsa umana, il disoccupato
Perché lo fai?
Perché non te vai?

Una vita in vacanza
Una vecchia che balla
Niente nuovo che avanza
Ma tutta la banda che suona e che canta
Per un mondo diverso
Libertà e tempo perso
E nessuno che rompe i coglioni
Nessuno che dice se sbagli sei fuori
Sei fuori, sei fuori, sei fuori, sei fuori

Vivere per lavorare
O lavorare per vivere
Fare soldi per non pensare
Parlare sempre e non ascoltare
Ridere per fare male
Fare pace per bombardare
Partire per poi ritornare

Una vita in vacanza
Una vecchia che balla
Niente nuovo che avanza
Ma tutta la banda che suona e che canta
Per un mondo diverso
Libertà e tempo perso
E nessuno che rompe i coglioni
Nessuno che dice se sbagli sei fuori.

Grazie della tua attenzione, Enjoy😀
Francesco Umberto Iodice

Giornata nazionale contro lo spreco alimentare, ecco tutti i numeri e la storia

Oltre ad essere uno “schiaffo morale” nei confronti di quasi 800 milioni di persone denutrite nel mondo, lo spreco di cibo rappresenta un ingente danno all’ambiente.

Lunedì 5 febbraio 2018, è la Giornata di prevenzione dello spreco alimentare.

In Italia è stata celebrata per la prima volta il 5 febbraio 2014 ed è stata ideata ed istituita dal Ministero dell’Ambiente in collaborazione con la campagna Spreco Zero e Università di Bologna – Distal.

Giornata mondiale contro lo spreco alimentare 2018
Giornata nazionale contro lo spreco alimentare 2018 (fonte: www.envi.info)

Ogni anno, secondo Fondazione Barilla citando come fonte il WWF, “1/3 del cibo del mondo (1,3 miliardi di tonnellate) viene sprecato senza arrivare neanche a tavola pur essendo prodotto perché va a male in azienda, si perde, diventa immangiabile durante la distribuzione o viene gettato via nei negozi alimentari al dettaglio, ristoranti e cucine”. Il dato diventa ancora più spaventoso se si pensa che si tratterebbe di quasi 4 volte la quantità di cibo necessaria a sfamare circa 800 milioni di persone sul pianeta che sono denutrite. Tra i Paesi fanalino di coda in questa classifica, tutt’altro che lusinghiera, ci sono gli USA che gettano 46 milioni di tonnellate di cibo l’anno (fonte FSI), ma anche l’Europa non è da meno. Il cibo buttato nel Vecchio Continente, secondo la FAO, sfamerebbe circa 200 milioni di persone.

E l’Italia?

L’Italia, grazie alla recente legge contro lo spreco alimentare, approvata nel 2016, appare tra le realtà che sta facendo passi avanti importanti. Ma non basta.  I dati FAO parlano chiaro: in Italia, un anno di spreco alimentare potrebbe sfamare quasi 44 milioni e mezzo di persone. Considerando i dati ISTAT e l’avanzare del maledetto tasso di povertà del nostro Paese, senza una laurea in matematica il calcolo da fare è molto facile.

502155430_ca46611dde_z.jpg (500×341)

Riciclo dei rifiuti = fare economia

Ma questa giornata non ha solo connotazioni morali contro chi butta via cibo, ma è impegnata anche nei confronti della salvaguardia dell’ambiente. Eh sì, perchè come spiega l’ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, (ente di diritto pubblico finalizzato alla ricerca, all’innovazione tecnologica e alla prestazione di servizi avanzati alle imprese, alla pubblica amministrazione e ai cittadini nei settori dell’energia, dell’ambiente e dello sviluppo economico sostenibile) il riciclo dei rifiuti avrebbe risvolti positivi anche sulla nostra economia!

“Gli scarti alimentari – fa sapere l’Agenzia – possono diventare anche bioplastiche o energia sotto forma di biogas. Non solo. Dagli scarti di uva e arance si ricavano polifenoli, pectine e fibre, utilizzabili in nutraceutica e cosmetica. Secondo l’Ue entro il 2030 con il riciclo dei rifiuti al 70% e lo smaltimento in discarica al 5%, grazie all’economia circolare si possono creare 580 mila posti di lavoro e risparmi per le imprese pari all’8% del fatturato annuo“.

Decalogo ENEA giornata nazionale contro lo spreco alimentare (fonte: www.enea.it)

In Europa sono in media 180 i kg di cibo pro-capite sprecati all’anno mentre ammontano a 164kg/anno in Italia (siamo al 7° posto nella classifica europea).

I numeri italiani dello spreco

Secondo dati ENEA, nel nostro Paese vengono gettati nel cassonetto per la precisione circa 5,5 milioni di tonnellate di cibo all’anno, in pratica 42 kg di cibo a persona. O in forma di avanzi non riutilizzati o di alimenti scaduti o andati a male, con un valore economico complessivo che si aggira intorno ai 13 miliardi di euro all’anno. E andando ancora più a fondo di questi numeri: “di questi 42 kg, oltre 10 sono costituiti da verdure e prodotti ortofrutticoli per un totale di oltre 1,3 milioni di tonnellate. Con i prodotti vegetali che gettiamo nella spazzatura, oltre a fitosanitari e nutraceutici, potremmo produrre 41 milioni di m3 di biometano, l’equivalente dell’energia necessaria per riscaldare 46mila appartamenti, con un risparmio di circa 2 milioni di tonnellate di CO2.”

Credo che giornate come questa dovrebbero essere fatte in più occasioni, che debba essere istituito un percorso nelle scuole italiane per approfondire questi temi e sensibilizzare i giovani a pratiche che possano salvaguardare davvero l’ambiente.

Grazie della tua attenzione, Enjoy😀
Francesco Umberto Iodice